Oono

Oono: la soluzione per creare uno smartphone “veramente” quasi privo di cornici è più semplice di quanto si possa credere e implica un ritorno al passato.

Oono: la soluzione per creare i veri bezel less potrebbe arrivare dal passato

Secondo la compagnia di ricerche cinese CINNO, entro il 2018 la penetrazione di mercato degli smartphone “full screen” sarà del 5%, per raggiungere il 93% entro il 2021. Nonostante le diverse recenti soluzioni da parte dei produttori, non sono ancora stati presentati dei veri bezel less, smartphone completamente privi di cornici sui quattro lati.

Fino ad ora, infatti, i designer hanno dovuto fare i conti con fotocamere, capsule auricolari e sensori, da integrare nella parte frontale dello smartphone. Le soluzioni adottate sin qui sono state sostanzialmente due: cornice superiore ridotta quasi a zero e cornice inferiore quasi standard, per integrare sensori e fotocamera, o cornici inferiore e superiore di ridotte dimensioni, con lo spazio sufficiente a ospitare sensori e fotocamera.

La soluzione per creare uno smartphone “veramente” privo di cornici, salvo una piccola cornice protettiva, è davvero più semplice di quanto ci si potrebbe aspettare, e prevede un leggero ritorno al passato. L’idea è partita da una compagnia chiamata Oono, che ha presentato la propria idea di smartphone bezel less a Shangai, Cina.

La segnalazione arriva dal noto leaker, @OnLeaks, ed è di poche ore fa. Sostanzialmente, Oono, reintroduce il concetto di schermo a scorrimento che ha fatto la fortuna di molto produttori, Nokia in primis, con fotocamera, speaker e altri sensori integrati nella metà dello smartphone sulla quale scorre lo schermo.

Al momento il dispositivo è un prototipo non funzionante, ma la soluzione sembra decisamente valida e, soprattutto, comporta uno spessore tutto sommato contenuto. La compagnia ha già presentato domanda di brevetto anche negli Stati Uniti e potrebbe presto trovare i giusti partner per rendere reale questo originale smartphone, che unisce passato e futuro della tecnologia mobile.

LEAVE A REPLY