LG ha annunciato domenica 26 febbraio il nuovo top di gamma G6; il pezzo forte di casa LG ci mostra tante novità importanti a partire dall’assenza della modularità e un display con aspetto 18:9. Sarà riuscita nell’intento di soddisfare le esigenze degli utenti?

LG G6: display 18:9 e Snapdragon 821

Le dimensioni sono 148.9 x 71.9 x 7.9 mm e quello che ha stupito molto è il design molto più allungato rispetto alla concorrenza. La scocca è in metallo e vetro curvo sul retro e il display non presenta bordi ricurvi.

Si è visto come questo LG G6 sia stato curato nei dettagli e come la casa coreana si sia impegnata molto nel realizzarlo, lasciando già trapelare alcune informazioni su software e display già nelle settimane precedenti il MWC 2017.

È proprio il display la caratteristica più insolita di questo G6: parliamo di uno schermo LCD IPS da 5,7 pollici di diagonale con risoluzione QHD di 28880×1440 pixel e un formato di 18:9 (564 ppi); proprio questo formato rende possibile la separazione dello schermo in due quadrati formato 1:1 che racchiudono due app diverse.

La mancanza di bordi del display è stata scelta per evitare problemi causati dal touch riscontrati in diversi modelli edge, inoltre LG G6 è il primo smartphone con a bordo lo standard Dolby Vision e HDR 10.

A livello di hardware il processore scelto è lo Snapdragon 821 in coppia con 4 GB di RAM e 32 GB di memoria interna espandibili tramite microSD fino a 2 TB; in alcuni mercati, tranne quello europeo, il terminale sarà venduto anche nella configurazione con 64 GB di memoria interna.

A livello di software su LG G6 troviamo Android Nougat 7.0 con interfaccia di personalizzazione LG UX 6.0, con ultima patch di sicurezza a bordo nella versione aggiornata a marzo. Presente anche Google Assistant attivabile tramite il tasto Home, ma per adesso solo in tedesco e inglese.

Il comparto fotocamera è composto da una doppio sensore posteriore entrambi da 13 MP, di cui uno con grandangolo di 125° e l’altro standard di 71°. La fotocamera frontale ha una risoluzione di 5 MP con buona ampiezza angolare da 100°. Presenti diverse modalità tra cui Time-lapse , 360° Panorama e la modalità scatto HDR 10.

LG ha poi eliminato la batteria estraibile per una integrata da 3300 mAh con tecnologia Quick Charge 3.0. per la ricarica rapida. Presenti il lettore per le impronte digitali posto sul retro, la porta USB Type-C, il jack da 3,5 mm per le cuffie e non manca anche la certificazione IP68.

Conclusioni

LG sembrerebbe aver voltato pagina dopo il mezzo flop con LG G5, per non parlare della reputazione che gode il G4; LG G6 si preannuncia essere uno degli smartphone più interessanti sul panorama mondiale, ma poteva certamente riscuotere più attenzione se a bordo avesse avuto lo Snapdragon 835.

Per adesso LG G6 sarà venduto in Europa a partire da metà aprile ad un prezzo di 749,90 euro nella versione con 32 GB di memoria nativa, mentre quella con 64 GB e ricarica wireless sarà purtroppo esclusiva del mercato asiatico. Il device sarà disponibile nelle varianti nero, bianco e grigio.

LEAVE A REPLY